Barriere automatiche: per la sicurezza pubblica e privata

Quando si tratta di avere un controllo accessi pressochè completo per gli ingressi in aree o edifici con un volume di traffico medio-alto – come ad esempio alberghi, banche, centri commerciali, o anche più semplicemente grandi aziende e distretti residenziali, e più in generale tutti quei luoghi dove esiste la necessità di gestire l’ingresso in uno spazio deputato al passaggio o al parcheggio degli autoveicoli – le barriere automatiche rappresentano probabilmente la soluzione più semplice ed efficiente.

Un sistema a barriere automatiche infatti permette facilmente di limitare gli accessi alle persone autorizzate. Tale privilegio può essere gestito utilizzando una serie di strumenti diversi, a seconda del tipo di passaggio e del livello di sicurezza desiderato: a lettori di carte magnetiche o a radiofrequenza si possono affiancare sistemi a codice, con tastiere speciali e particolarmente robuste per proteggerle dagli attacchi vandalici. Tutti questi sistemi possono peraltro essere collegati e monitorati da un unico centro di controllo, per raggiungere un livello di sicurezza ancora superiore.

Il mercato oggi offre una vasta serie di barriere automatiche: ai modelli più tradizionali si affiancano tipologie ad alta velocità, o ancora progettate per usi commerciali molto intensivi. Per quanto riguarda i materiali, la solidità è naturalmente una considerazione fondamentale, perciò è normale usare l’acciaio per il corpo stesso della barriera, mentre i motori contengono sempre più spesso parti in alluminio. A completare il profilo, i modelli migliori dispongono di una batteria d’emergenza, che ne permette il funzionamento anche nel caso di blackout nel quartiere, così da non compromettere la sicurezza ma nemmeno trovarsi di fronte ad un blocco totale del passaggio.